DIAMANTE

Traiettoria di sviluppo tecnologico SmartHealth: 
Biomedicale, Diagnostica in Vivo e Vitro
Tipologia progetto: 
Standard

Tecnologie di produzione di diagnostici in vivo

La risonanza magnetica nucleare (RMN) e la spettroscopia a raggi X sono senza dubbio le tecniche di diagnostica per imaging più diffuse per la diagnosi, ad esempio, delle malattie del sistema nervoso centrale, delle angiopatie, delle patologie del sistema urinario e nella visualizzazione dei tumori. Queste tecniche si avvalgono dell’impiego di Agenti di Contrasto, che, iniettati negli organi da esaminare, producono un’immagine nitida e selettiva dei tessuti compromessi. Il Friuli Venezia Giulia ha a Torviscosa uno dei più importanti stabilimenti europei ove si producono i mezzi di contrasto. La loro produzione parte da materie prime di importazione e giunge, in alcuni casi, al prodotto finito, in altri ad intermedi avanzati del processo produttivo. Un primo obbiettivo del progetto DIAMANTE che, vale la pena di sottolineare, è condotto in ATS tra Serichim Srl e Caffaro Industrie Spa, consiste quindi nel progettare processi ed impianti che permettano la produzione di queste materie prime a Torviscosa, usando tecnologie avanzate che garantiscano la qualità, fondamentale per i componenti di una sostanza adoperata in umano, e la compatibilità ambientale. Due delle materie prime oggetto di interesse sono richieste in quantità rilevanti, delle centinaia di tonnellate all’anno, e non hanno vincoli autorizzativi (GMP); una terza è invece richiesta al livello di poche tonnellate/anno, e deve essere prodotte secondo standard di produzione e controllo normati. Sono quindi necessarie due strutture produttive differenti. La struttura impiantistica operante in GMP è adatta per dimensioni e standard qualitativo di controllo anche alla produzione di alcune molecole che trovano impiego nella terapia innovativa dell’artrosi. È il caso di alcuni prodotti che, studiati e brevettati da una società di ricerca operante in Area Science Park a Trieste, sono ora in fase di lancio come ausili medico-chirurgici per la cura dell’artrosi. Il nuovo impianto, adatto alla produzione di sostanze di elevato valore in piccole quantità, permetterà di mantenere in Friuli la loro produzione, valorizzando localmente i risultati delle ricerche condotte a Trieste.

Costo totale: 
€389.297,00
Contributo finanziato
€ 250.691,00
Project leader
Serichim srl

Caffaro Industrie Spa

  • ministero dell'istruzione dell'universita e della ricerca
  • regione fvg
  • Area Science Park
  • ProESOF 2020