SIMPACT SUPERIOR

Traiettoria di sviluppo tecnologico SmartHealth: 
Biomedicale, Diagnostica in Vivo e Vitro
Tipologia progetto: 
Standard

Studio in Impianto Protesico Artroscopico per pazienti Compromessi e Trattati

Il progetto “SIMPACT_SUPERIOR” intende intraprendere una complessa attività di ricerca, finalizzata ad un radicale avanzamento degli impianti protesici dell’articolazione della spalla mettendo a punto soluzioni e metodologie in grado di sostituire sia la porzione articolare omerale che la porzione articolare glenoidale. L’obiettivo di ricerca principale del progetto “SIMPACT_SUPERIOR” è quello di studiare e identificare delle soluzioni innovative capaci di limitare i danni delle attuali tecniche chirurgiche e di assicurare la biocompatibilità dei materiali utilizzati, mettendo a punto un impianto protesico che consenta di essere posizionato in artroscopia, quindi con una tecnica miniinvasiva, senza lesionare alcuna struttura anatomica della spalla, permettendo una mobilizzazione immediata nel post-chirurgico.
L’intervento del CRO mira all’acquisizione di conoscenze di base e tecnologiche per la realizzazione di un impianto che, sostituendosi alle protesi invasive tradizionali, aprirà nuove prospettive nel settore chirurgico verso applicazioni sempre più biologiche e fisiologiche con riguardo particolare a quei pazienti dove i trattamenti oncologici hanno causato seri danni alle cartilagini articolari. L’obiettivo principale è la valutazione dell’attività di integrazione ossea da parte dei rivestimenti protesici, utilizzando substrati cellulari dei sostituti ossei presenti in commercio. Da ciò deriveranno informazioni utili sulla deposizione/degradazione dell’osso in un ambiente che contenga una matrice mineralizzata e quindi aggredibile o inducente ulteriore formazione di tessuto. Al termine dell’intervento ci si attende di ottenere soluzioni per un nuovo prodotto che corrisponda a caratteristiche di stabilità e che preveda una procedura di intervento il meno invasiva possibile sul paziente, soddisfacendo le diverse esigenze chirurgiche e che possa quindi incrementare le possibilità di successo dell’impianto protesico. Nello specifico i risultati attesi da questo intervento individueranno le migliori caratteristiche dei biomateriali e le condizioni appropriate di interazione biomateriale-cellula per ottenere la crescita ottimale e guidata delle cellule e la loro differenziazione in vitro. I dati ottenuti dai diversi modelli sperimentali risulteranno utili per applicazioni in vivo, al fine di favorire fenomeni di osteointegrazione e di rigenerazione fibrocartilaginea a livello del sito di impianto della protesi in particolari situazioni patologiche come quelle conseguenti a trattamenti chemio/radioterapici. In questo tipo di intervento sono individuabili, tra le altre, delle ricadute specifiche in campo clinico e scientifico. Il forte impatto clinico, garantito dalla realizzazione di un impianto biocompatibile e non usurabile, verrà registrato come miglioramento oggettivo delle condizioni del paziente che potrà beneficiare di un impianto sicuro e non rigettabile. Dal punto di vista scientifico, una notevole ricaduta sarà garantita dall’approfondimento delle conoscenze scientifiche in materia attraverso lo studio delle caratteristiche “biologiche” dei materiali per applicazioni avanzate in campo ortopedico.

Costo totale: 
€343.074,00
Contributo finanziato
€ 254.925,00

DIxi Srl
IRCCS Centro di Riferimento Oncologico di Aviano
Meccaniche del Mistro Srl

  • ministero dell'istruzione dell'universita e della ricerca
  • regione fvg
  • Area Science Park
  • ProESOF 2020